AttualitàNews ItaliaPolitica

Riuscirà il tedesco Manfred Weber a far nascere l’Europa dei Popoli e delle Nazioni?

di Albino Albano
Il tedesco Manfred Weber è pronto ad affrontare la campagna elettorale europea, quale prescelto dal PpE a presidente della Commissione europea.In un pubblico comizio dei Cristiano Sociali Weber ha annunciato il suo impegno per l’Europa come candidato a succedere a Jean Claude Juncker alla presidenza della Commissione.Il politico tedesco consapevole che avanzano le forze cosiddette sovraniste, sta cercando una strategia per coinvolgere queste forze per un asse che sposterà di fatto a destra il PpE. Le forze di sinistra classiche il Pd in Italia la Spd in Germania ormai sono al tracollo, anche grazie alle loro politiche che poco hanno tutelato i cittadini europei in questi difficili anni di crisi economica. Weber guarda a queste forze per ridisegnare un’Europa che non sia ad appannaggio della finanza ma che guardi ai Popoli, il vero spirito per il quale è nato e si è sviluppato il processo europeo. Non a caso Weber dialoga anche con Matteo Salvini. Per un’Europa che sia veramente diversa. Questo è quanto intende Weber. E se l’Europa non tiene conto dei problemi come quello di far ripartire l’economia e la sicurezza è un Continente destinato ad affondare. Il vecchio Continente ha bisogno di ripartire perché è dal 1914 che l’Europa è diventata di secondo piano sullo scacchiere internazionale. Vuoi per le due Guerre Mondiali vuoi per gli egoismi dei vari stati che invece di fare squadra tra di loro hanno flirtato ad ovest ed ad est a seconda della convenienza. Ora solo aumentando la competitività dell’intera Europa e non di singoli stati si potrà far fronte alle economia emergenti. E Weber rappresenta la vera svolta non quelli di un internazionalismo o europeismo astratto ma quello di un’Europa che vuole essere protagonista con tutti i popoli di questo continente.

Leave a Response

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: